Eventi vicino a Casa Arcobaleno

Quarta Settimana di cultura marocchina torinese

Quarta Settimana di cultura marocchina torinese

Giovedi 18:30 (14 Dicembre)
Bizzeffe, Turin

Crime Stories: con Roberto Saviano

Crime Stories: con Roberto Saviano

Domenica 10:00 (22 Aprile)
Scuola Holden, Turin

Aperitivo Natalizio in Mongolfiera a Torino

Aperitivo Natalizio in Mongolfiera a Torino

Venerdì 11:30 (15 Dicembre)
TURIN EYE, Turin

Di nuovo SenzaAsilo

Di nuovo SenzaAsilo

Venerdì 14:30 (15 Dicembre)
Sermig - Arsenale della Pace - Pagina ufficiale, Turin

La Fortinissima

La Fortinissima

Sabato 15:00 (23 Dicembre)
La Bicicleta, Turin

Gran Milonga del Fortino TDJ Luca Lamberti

Gran Milonga del Fortino TDJ Luca Lamberti

Sabato 21:30 (16 Dicembre)
La Bicicleta, Turin

La Colacena - La serata più coccolosa dell'anno!

La Colacena - La serata più coccolosa dell'anno!

Venerdì 19:30 (15 Dicembre)
L'arteficio - Showroom & Art Factory, Turin

Una Notte al Museo con Jean Mirò - Visita notturna alla Mostra

Una Notte al Museo con Jean Mirò - Visita notturna alla Mostra

Giovedi 21:00 (14 Dicembre)
Palazzo Chiablese. Mostra Mirò Tra Sogno E Colore, Turin


Via della casa comunale n° 1 - Senza fissa dimora di successo

Via della casa comunale n° 1 - Senza fissa dimora di successo


Quando?

Inizio: Giovedi 21:00 (07 Dicembre)
Fine: Giovedi 23:30 (07 Dicembre)

Dove?

Casa Arcobaleno
Via Bernardino Lanino 3/a, Turin

Descrizione

Giovedì 7 dicembre 2017
alle 21.00 in Casa Arcobaleno
la compagnia teatrale “La casa di Gionni” presenta
“Via della casa comunale n° 1 - Senza fissa dimora di successo”
dal libro di Stefano Bruccoleri "Via della casa comunale n°1"
2011, ed. Edicilo
Regia di Giorgio Mignemi
- ingresso libero -

Un blog, un libro, una presentazione che diviene narrazione e performance teatrale. Stefano Bruccoleri è il primo senza tetto a raccontare la sua esperienza di senza fissa dimora nel suo blog, che è poi diventato un libro. Questa sera lo vedremo impegnato nel monologo teatrale tratto proprio dal suo libro e dalle sue esperienze. La serata è organizzata da Altera Cultura Torino, Arcigay "Ottavio Mai" Torino, Giosef Unito. Associazione Trepuntozero.

Il libro
Un ragazzo perde i genitori, il fratello, la casa e finisce per strada. Per vincere la disperazione apre un blog. Dopo una diagnosi medica spietata come una condanna comincia a pedalare. Viaggia per cinque anni "percorrendo venticinquemila chilometri, pedalando a tratti felicemente e a tratti da idiota". Durante il viaggio continua a scrivere di sé e di quello che vede attorno, raccontando l'amore per la bici, la forza di spirito che lo aiuta a contrastare i problemi, gli incontri e il mondo visto a diciassette chilometri orari. "Via della Casa Comunale n° 1", (l'indirizzo che viene assegnato ai senza fissa dimora torinesi per mantenere la cittadinanza e il supporto sanitario), raccoglie queste pagine caustiche, irriverenti, ma anche ironiche e sognatrici. Per non smettere di pedalare. Prefazione di don Luigi Ciotti, postfazione di Simona Vinci.

L'autore
Stefano Bruccoleri è nato in Belgio nel 1968 e vive a Torino. Perde nel giro di pochi mesi i genitori di tumore e il fratello di overdose. Dopo gli affetti più cari perde la casa e con la casa anche il lavoro. La sua prima tappa è il dormitorio di Alessandria. Da qui Stefano inizia a scrivere e lo fa aprendo un blog, nel 2004. È il primo blog in Italia che racconta in presa diretta la vita di un senza fissa dimora. Ad Alessandria Stefano tocca con mano le nuove povertà. Si fa strada in lui la voglia di uscirne e diventa un senza fissa dimora per scelta.
Qualche tempo dopo scopre di essere sieropositivo all’Hiv e decide di partire. Nel frattempo il blog raggiunge i 25.000 contatti, proprio come i chilometri che dal 2004 Stefano farà dalle montagne piemontesi a Ferrara, Bologna, Grosseto, Roma, poi Firenze. Il diario sul blog si amplia, diventa il modo per affrontare la malattia e inizia a essere un racconto itinerante.
Stefano decide di trasformare il suo blog-diario in un libro. Si mantiene con la “Ciclofficina itinerante”, ovvero la riparazione sul posto delle biciclette rotte. Oggi Stefano ha una “Ciclofficina letteraria” in borgo Campidoglio a Torino.