Eventi vicino a Via Zamboni, 38

Capodanno a Bologna, tutti gli Eventi

Capodanno a Bologna, tutti gli Eventi

Domenica 21:00 (31 Dicembre)
Capodanno bologna 2018, Bologna

Tosca- Giacomo Puccini

Tosca- Giacomo Puccini

Venerdì 20:00 (15 Dicembre)
Teatro Comunale Bologna, Bologna

La Bohème, di Giacomo Puccini

La Bohème, di Giacomo Puccini

Mercoledì 17:00 (24 Gennaio)
Teatro Comunale Bologna, Bologna

C5Q & Mirai, Goddamn Team, CDC Live at Belmeloro Cafè

C5Q & Mirai, Goddamn Team, CDC Live at Belmeloro Cafè

Venerdì 20:30 (15 Dicembre)
Cafè Belmeloro, Bologna

Incontro con Lella De Marchi e Claudia Di Palma

Incontro con Lella De Marchi e Claudia Di Palma

Sabato 19:00 (16 Dicembre)
Al Ritrovo, Bologna

Ginevra Di Marco @Bravo Caffè - Bologna

Ginevra Di Marco @Bravo Caffè - Bologna

Giovedi 22:00 (11 Gennaio)
Bravo Caffè Pagina Ufficiale, Bologna

Roberta Giallo: live al Bravo Caffè

Roberta Giallo: live al Bravo Caffè

Martedì 22:00 (19 Dicembre)
Bravo Caffè Pagina Ufficiale, Bologna

Dolce di Natale Vegan a sostegno degli Animali

Dolce di Natale Vegan a sostegno degli Animali

Lunedi 09:00 (25 Dicembre)
Essere Animali, Bologna


Hevalen - Presentazione del libro insieme all'autore e Wu Ming 1

Hevalen - Presentazione del libro insieme all'autore e Wu Ming 1


Quando?

Inizio: Giovedi 19:00 (07 Dicembre)
Fine: Giovedi 23:00 (07 Dicembre)

Dove?

Via Zamboni, 38
Via Zamboni, 38, Bologna

Descrizione

Dalle 19h aperitivo di autofinanziamento e a seguire presentazione del libro "Hevalen. Perché sono andato a combattere l'ISIS in Siria" di Davide Grasso.
Ne discutono con l'autore il Laboratorio Crash! e Wu Ming 1 direttore della collana Quinto Tipo, Edizioni Alegre.

Strinsi le loro mani il giorno dell'addio, all'alba, su una lunga fila [...]. Ci eravamo guardati negli occhi, con gli hevalen, alle soglie del deserto. Non li avevo mai compresi fino in fondo. Non avevano potuto, fino in fondo, comprendere me. I martiri erano assenti. No, erano lì, avrebbe detto il partito: "i martiri non muoiono". (p. 328)

Hevalen in curdo significa "amici, compagni", e racconta l'esperienza di un militante italiano all'interno di uno dei teatri bellici più crudi e più strategici del pianeta. Il libro inizia e termina a Parigi, tra le vie teatro di una delle più feroci stragi dell'ISIS, e si articola, passando per Istanbul e svariati altri luoghi, tra la Palestina, l'Iraq e la Siria, dove Davide entra a far parte delle YPG, le forze popolari che stanno combattendo attanagliate dal fanatismo islamista, dal regime di Assad e da quello di Erdogan. Le YPG sono una delle ossature portanti dell'esperienza rivoluzionaria che, come fiore nel deserto, è sbocciata nella Siria del Nord. Hevalen conduce all'interno di combattimenti in città distrutte e dentro interminabili momenti vuoti, racconta delle centinaia di persone incontrate, di paure e tensioni, articola riflessioni sulla possibilità di una rivoluzione mondiale e sulla condizione umana. Propone una serie di quadri disincantati ma appassionati di un processo rivoluzionario in corso.