Altri eventi a Fabbrica102

The Buns (Francia)

The Buns (Francia)

Sabato 22:15 (16 Dicembre)
Fabbrica102, Palermo

Mapuche - Il Sottosuolo

Mapuche - Il Sottosuolo

Venerdì 22:00 (29 Dicembre)
Fabbrica102, Palermo

Mesico e Mirai

Mesico e Mirai

Venerdì 22:30 (26 Gennaio)
Fabbrica102, Palermo

Fabiola Arculeo ed Evelina Lo Pilato - Nostos (Ritorno)

Fabiola Arculeo ed Evelina Lo Pilato - Nostos (Ritorno)

Domenica 21:30 (04 Febbraio)
Fabbrica102, Palermo

Il re tarantola

Il re tarantola

Venerdì 22:30 (20 Aprile)
Fabbrica102, Palermo

Federico Stabile #Fabbrica102live

Federico Stabile #Fabbrica102live

Mercoledì 22:00 (09 Maggio)
Fabbrica102, Palermo

Eventi vicino a Fabbrica102

2

2

Venerdì 22:00 (15 Dicembre)
Caffè Internazionale, Palermo

Jack Friday & Inside The Hole Live at Morrison Cafè

Jack Friday & Inside The Hole Live at Morrison Cafè

Venerdì 20:00 (15 Dicembre)
Morrison Cafè, Palermo

Levante @Palermo 22 marzo

Levante @Palermo 22 marzo

Giovedi 21:00 (22 Marzo)
Teatro Biondo Palermo, Palermo

Opera Teatrale 'Io Non Avevo Mai Deciso Di Volare'

Opera Teatrale "Io Non Avevo Mai Deciso Di Volare"

Mercoledì 21:00 (03 Gennaio)
Teatro Biondo Palermo, Palermo

Conosci te stesso - Consulenza Filosofica di Gruppo

Conosci te stesso - Consulenza Filosofica di Gruppo

Martedì 18:30 (09 Gennaio)
Palazzo Pantelleria-Varvaro, Palermo

A Mindful Day

A Mindful Day

Domenica 10:00 (17 Dicembre)
Palazzo Pantelleria-Varvaro, Palermo

Gran Ballo e Promenade- Festa degli Auguri di Natale 2017

Gran Ballo e Promenade- Festa degli Auguri di Natale 2017

Sabato 17:30 (16 Dicembre)
Palazzo Pantelleria-Varvaro, Palermo

Poesia Senza Fine di A. Jodorowsky

Poesia Senza Fine di A. Jodorowsky

Mercoledì 20:30 (17 Gennaio)
Cinema Rouge et Noir, Palermo


Francesco Lauretta - Apocalisse in dettaglio

Francesco Lauretta - Apocalisse in dettaglio


Quando?

Inizio: Mercoledì 19:00 (22 Novembre)
Fine: Lunedi 00:00 (04 Dicembre)

Dove?

Fabbrica102
via Monteleone 32, 34, 36, Palermo

Descrizione

La mostra si apre con un’allucinata prospettiva dell’Apocalisse in dettaglio -recita il sottotitolo- secondo la visione dell’artista che qui si presenta come "alterità". Si mette in moto una polifonia distorta, una moltitudine di voci. Così lo spazio di Fabbrica 102 è abitato da piccole storie, un coro di artisti viventi, e non, in circa 350 piccole foto, come nuvole, che testimoniano due eventi di mostre trascorse ma eternamente presenti allo stesso tempo qui, nel loro accadere, accessibili. Un video, due incisioni ritagliate, implose e rigenerate, sono reliquie perché hanno smarrito la generalità del corpo di cui facevano parte, e si ricompongono in una nuova allucinata destinazione ferita-cucita. Un testo sonoro suggerito dall’artista e composto dall’autore di Contemporanea Diego Dall’Osto si riverbera nel salottino, con sigari e rum e un tavolino dove sono deposti gli strumenti apocalittici; e lo scorrere, fantasmatico, di un angelo rosso con l’Indice che di volta in volta segnala e addita una via di confine, o accesso o rivelazione, dimostra come questa mostra sia una specie (di mostra) di cui è impossibile definire i confini.

LA PERFORMANCE AVRA' LUOGO SOLO IL 22 NOVEMBRE. LE OPERE RIMARRANNO IN MOSTRA FINO AL 4 DICEMBRE 2017. INGRESSO LIBERO

Francesco Lauretta dopo la formazione all’Accademia di Belle Arti di Venezia con Emilio Vedova e una tesi su James Lee Byars si trasferisce a Torino. Qui comincia ad esporre opere monumentali, bianche sculture che rasentano il minimalismo ma evocative di un certo spirito barocco e narrative, olfattive: utilizza petali di sapone verde o petali di rosa nera che deposita su cassetti che destabilizzano elementi riconoscibili, d'uso comune, come un sofà, un piedistallo, quadro. Sperimenta l’installazione, la performance, il video e dal 2003 comincia a lavorare per una ridefinizione della pittura come linguaggio e su quella del pittore come condizione esistenziale, esplorando le tecniche, i processi, gli esiti formali, le deviazioni, i limiti e i possibili fallimenti. Dal 2010 è al lavoro su “I racconti funesti”, una serie di allegorie in cui esercita la scrittura come strumento per la comprensione della sua ricerca. Recentemente ha dato inizio ad un progetto sulla libertà e l’invenzione comprendendo la pittura come fondazione di mondi, immensi e possibili.
Le più recenti mostre personali, tra le molte in gallerie e spazi istituzionali, sono “Quasi euforia” Egg Visual Art, Livorno (2016), Sacrosanctum, Oratorio di san Mercurio, Palermo (2016) “ A perfect day” Srisa Gallery of Contemporary Art, Firenze, “Esistenze|Inesistenze”, Spazio V.ar.co, L’Aquila, “Inesistenze”, alla galleria Z2o Zanin, Roma (2015), “Una nuova mostra di pittura”, in più sedi storiche a Scicli (2014), “Esercizi di Equilibrio, alla GAM Galleria d’Arte Moderna, Palermo (2013). Tra le molte mostre collettive in Italia e all’estero si ricordano,“Idioti”, Galleria Giovanni Bonelli, Milano (2017), “Dialogica, atemporali connessioni contemporanee”, Palazzo Bellomo Siracisa, Relics_Catania, Palazzo Manganelli, Catania, “Walking on the world” Casa Masaccio, San Giovanni Valdarno (2015), “PPS- Paesaggio e Popolo della Sicilia”, Palazzo Riso a Palermo e Frigoriferi Milanesi a Milano (2011), “Visions in New York City”, Macy Art Gallery, New York (2010), oltre alla partecipazione a progetti speciali realizzati da collettivi di artisti e curatori, tra gli altri Racconto di Venti, Milano (2015), The Wall (archives), Milano (2015), Nuvole, Scicli (2014), Madeinfilandia, Pieve a Presciano, Arezzo (2013), La festa dei vivi (che riflettono sulla morte), Porto San Cesario, Lecce (2013).