Eventi vicino a Museo Marino Marini

Biennale Internazione dell'Antiquariato di Firenze
Conferenza

Biennale Internazione dell'Antiquariato di Firenze

Sabato 10:30 (23 Settembre)
Biennale Internazionale dell'Antiquariato di Firenze, Florence

BrunchMix con Chef Alessandro Borghese

BrunchMix con Chef Alessandro Borghese

Domenica 12:30 (01 Ottobre)
Obicà Firenze, Florence

Cultura a tutti costi? Raffaele Ventura vs Francesco d'Isa

Cultura a tutti costi? Raffaele Ventura vs Francesco d'Isa

Domenica 15:30 (24 Settembre)
Museo Novecento Firenze, Florence

Museo del Novecento

Museo del Novecento

Sabato 15:00 (18 Novembre)
Museo Novecento Firenze, Florence

Hamburger Festival - Firenze
Festival

Hamburger Festival - Firenze

Venerdì 15:00 (25 Maggio)
Piazza Santa Maria Novella, Florence

Amelia Rosselli: biografia e poesia

Amelia Rosselli: biografia e poesia

Lunedi 17:00 (25 Settembre)
Gabinetto G.P. Vieusseux, Florence

In-FormarSi per Agire: La formazione dei volontari Anelli

In-FormarSi per Agire: La formazione dei volontari Anelli

Sabato 10:00 (30 Settembre)
Anelli Mancanti, Florence

Arte a Firenze nel secondo Cinquecento
Libro

Arte a Firenze nel secondo Cinquecento

Sabato 10:00 (21 Ottobre)
Palazzo Strozzi, Florence


Angelo Crespi presenta 'Ars Attack. Il bluff del contemporaneo'

Angelo Crespi presenta "Ars Attack. Il bluff del contemporaneo"


Quando?

Inizio: Venerdì 19:00 (15 Settembre)
Fine: Venerdì 21:00 (15 Settembre)

Dove?

Museo Marino Marini
Via della Spada, 1, Florence
Libro

Descrizione

VENERDì 15 SETTEMBRE ORE 19 AL MUSEO MARINO MARINI

Per il ciclo "CONTEMPORARY ART HATES YOU. tre conversazioni sull'arte contemporanea"

Angelo Crespi presenta il suo libro
"Ars Attack. Il bluff del contemporaneo"
(Johan e Levi)
Dialogherà con l'autore Stefano Monti.

--------------------
«Lo sgunz in sostanza è (o non è) un oggetto, deve massimamente tendere all’orripilante, all’informe, all’insensato (meglio se tutto insieme), deve essere il più nuovo possibile (questo è imprescindibile), deve autodefinirsi come “arte” e avere un pubblico che pur non capendone la portata plaude entusiasta al suo valore.»

Calzini sporchi, palloni gonfiabili, squali in formaldeide, asini tassidermizzati, e poi sassi gettati per terra, tanta pornografia e molta coprofilia. Dissacrazione, nonsense, divertimento inutile sembrano le nuove categorie dell’arte contemporanea, in cui solo il mercato definisce il valore di un’opera, e ogni giudizio estetico è bandito. Oggi niente ha più senso se non il marchio di fabbrica dell’artista che genera, al di là del risultato, arte come il melo fa le mele, obbedendo al cieco verbo della produzione e del guadagno, mentre i musei del contemporaneo, vuoti esoscheletri senza contenuti, certificano i prezzi di questi nuovi “titoli spazzatura”.
Nessun problema se questa nuova arte non aspirasse al paragone con l’arte della Tradizione, a confrontarsi con i grandi del passato. Per essa bisognerebbe trovare un nuovo nome, una nuova categoria per una nuova tassonomia in cui comprendere tutte quelle cose brutte, insensate, spesso mal formate, che però si autodefiniscono arte. Per quest’ultime, Angelo Crespi s’inventa il termine sgunz, affondando la lama dell’osservatore disincantato e competente nel marcio dell’attuale sistema: critici, curators, galleristi, giovani e vecchi artisti di fama, tutti al tempo stesso vittime e fautori di un meccanismo che non fa altro che perpetuare se stesso. Sulla scia di una consolidata scuola di pensiero che va da Robert Hughes a Jean Clair, un pamphlet che si pone come un manuale di sopravvivenza in una giungla sempre più intricata, una scialuppa di salvataggio per chiunque senta di aver perso la bussola, per chi naviga controcorrente e crede ancora nell’arte.
Quella vera.

----------------

Angelo Crespi (1968), giornalista, ha collaborato, tra le altre, alle pagine culturali del Foglio e del Giornale. Insegna Storia del giornalismo all’Università Cattolica di Milano. Ha diretto il settimanale di cultura Il Domenicale (2002-2009); è stato consigliere del ministro dei Beni e delle Attività Culturali (2008-2011) e presidente del maga – Museo d’Arte di Gallarate (2009-2012). Dal 2011 al 2016 ha diretto il Centro internazionale d’arte e cultura di Palazzo Te di Mantova. Attualmente collabora alle pagine “Commenti e Opinioni” del Corriere della Sera. È autore di Contro la Terza pagina (2004).

Stefano Monti, partner Monti&Taft, insegna Management delle Organizzazioni Culturali alla Pontificia Università Gregoriana. Con Monti&Taft è attivo in Italia e all’estero nelle attività di management, advisory, sviluppo e posizionamento strategico, creazione di business model, consulenza economica e finanziaria, analisi di impatti economici e creazione di network di investimento. Da più di un decennio fornisce competenze a regioni, province, comuni, sovrintendenze e ha partecipato a numerose commissioni parlamentari. Si occupa inoltre di mobilità, turismo, riqualificazione urbana attraverso la cultura. È autore e curatore di numerosi libri e frequente relatore di convegni. Il suo obiettivo è applicare logiche di investimento al comparto culturale.